29.09.2020 – Il prossimo weekend ripartirà la sfida del Campionato Italiano Gran Turismo Sprint al Mugello e BMW Team Italia si prepara per un nuovo esaltante capitolo della stagione sportiva 2020.

Il team gestito da Ceccato Motors Racing Team schiererà in pista i due equipaggi titolari composti da Stefano Comandini (ITA) e Marius Zug (ITA) sulla BMW M6 GT3 #7, e Francesco Guerra (ITA) con Simone Riccitelli (ITA) al volante della BMW M4 GT4 #215. Dopo l’ottimo esordio di Misano, nel corso del quale BMW Team Italia ha conquistato una vittoria in GT4 e un secondo posto assoluto con la BMW M6 GT3, l’obiettivo sarà quello di confermarsi nella lotta al vertice.

Per il team sarà la seconda uscita sul Circuito Internazionale del Mugello dopo quella valida per la serie Endurance, ma questa volta il programma sarà diverso, con due sessioni di prove libere al venerdì alle 11:30 ed alle 17:10, le qualifiche in due turni al sabato in pista alle 11:50 e alle 12:15 e le due gare da 50 minuti più un giro: la prima sabato alle 17:15, la seconda domenica alle 14:20.

I 5.245 metri del tracciato toscano non hanno invece bisogno di presentazione. Riconosciuta a livello internazionale una delle più belle e complete piste d’Italia, il Mugello si contraddistingue per i veloci curvoni in appoggio e per il lungo rettilineo dei box. A completare questo cocktail spettacolare sono la successione Casanova-Savelli, in discesa, e la importante staccata della San Donato, prima curva, punto perfetto per tentare dei sorpassi.

Roberto Ravaglia (BMW Team Italia, Team Manager):
“Sarà molto importante interpretare al meglio l’appuntamento del Mugello. Si tratta del ritorno nel Campionato Italiano Gran Turismo Sprint dopo quasi due mesi e quindi rispetto a Misano le carte potrebbero essersi rimescolate. Da parte nostra sappiamo che il Mugello è tradizionalmente una pista favorevole a BMW, ma questo non cambierà il nostro approccio al weekend. Prepareremo le due gare passo passo con il solito lavoro già a partire dalle prove libere per consentire ai nostri equipaggi di esprimere in pista tutto il loro potenziale”.